Le Abbazie.it    Siete in: Le Abbazie.it » Marche » Ascoli Piceno
Convento-Santuario di Santa Maria della Grazie e di San Giacomo della Marca - Ascoli Piceno
  Luogo: Monteprandone
Indirizzo: Via Santa Maria delle Grazie, 13
Telefono: 0735/62100
Giorni per visitarlo: Lunedi, Martedi, Mercoledi, Giovedi, Venerdi, Sabato, Domenica
Tematica: Conventi e Monasteri
Sito web: Convento-Santuario di Santa Maria della Grazie e di San Giacomo della Marca ...
Visitata: 4140 volte 

 Descrizione dell'abbazia

Il più illustre cittadino di Monteprandone, San Giacomo della Marca, volle questo complesso francescano eretto nel 1449. Esso comprendeva un piccolo convento ed una chiesa dedicata alla Madonna delle Grazie. Questi edifici vennero ampliati nel 1550 circa, modificandone sensibilmente la posizione.
Nel '700 il complesso risentì di nuovi lavori, che portarono alla riedificazione dell'abside e del campanile prima, e della facciata e della volta dopo.
Il gruppo di edifici che rimane ora consiste nella chiesa, nel chiostro e in un museo, ospitato in quella che era l'antica cappella di San Giacomo, che racchiude reliquie del patrono, come un busto-reliquiario in legno policromo, il bastone da viaggio del Santo e la sua tazza.
Il chiostro ed il portico davanti la chiesa, risalgono al XIX secolo: le loro volte a crociera sono affrescate con scene della vita del Santo ad opera di Emidio Tegli (1848).
La facciata della chiesa consta di un portale in pietra del 1546, che corona una bellissima porta in legno del '400, divisa in riquadri decorati con motivi floreali al centro.
Entrando, si trovano sulla sinistra un ciclo di affreschi cinquecenteschi relativi alla vita di San Bernardino e San Sebastiano. Gli altari barocchi lignei sul lato sinistro della chiesa sono altresì degni di nota, sia per la loro fattura sia per le opere che ospitano: l'Incoronazione della Vergine con i Santi, di Vincenzo di Monterubbiano (1525), e la Madonna in trono con i Santi Francesco e Andrea Apostolo, di Durante Nobili di Caldarola (sempre del '500).
L'abside centrale presenta un crocifisso ligneo del secolo XVI, attribuito a Cola dell'Amatrice, e un paio di tavole di Vincenzo Pagani, raffiguranti Maria e San Giovanni Evangelista, datate 1540.
La Cappella di San Giacomo è stata affrescata nel 1956 con scene di vita del Santo relative alla protezione che egli ha concesso alla città durante la seconda guerra mondiale. Le spoglie del patrono, incorrotte, sono conservate sotto l'altare in travertino: furono traslate da Napoli nel 2001, dove erano conservate a seguito della morte del Santo, ivi avvenuta nel 1476. Fino ad allora l'altare conteneva un simulacro in cera.
Anche la Cappella della Madonna delle Grazie contiene reliquie del Santo, nella fattispecie un quadretto della Vergine che Giacomo aveva ricevuto in dono dal Cardinale Francesco della Rovere, nel 1468 a Roma. Si tratta di una terracotta policroma del XV secolo, di produzione toscana. A questa immagine sono legati numerosi miracoli. Fino al 1826 essa era posta sull'altare maggiore della Chiesa, poi dal 1953 le venne eretta questa cappella come luogo di destinazione ideale.
Le pareti sono decorate con pitture della metà degli anni '50 di Arturo Chicchi, che rappresentano scene della vita di Maria.
 Opinioni sull'abbazia

Nessuna opinione rilasciata per questa abbazia!
Rilascia un'opinione --»

 
Ricerca Avanzata
 



Categorie
 » Santuari
 » Conventi e Monasteri

Abbazie nelle città limitrofe:
Nessuna abbazia disponibile!

Visita inoltre:
 » Musei Ascoli Piceno
 » Monumenti Ascoli Piceno
 » Palazzi Ascoli Piceno
 » Eventi Ascoli Piceno
 » Alberghi Ascoli Piceno

Copyright © 2006 - Tutti i diritti riservati